Progetto ARSO

UN CUCINIERE / UN FOTOGRAFO
_SDF5446©StefanoDelia.jpg

TOMMASO TONIONI

L’imprinting gastronomico di Tommaso Tonioni ha inizio con Gabriele Bonci. Con lui scopre, il vero rapporto tra produttori e materie prime, tra ricerca e confronto. La voglia di conoscere e sperimentare lo porta in giro per il mondo: Sydney, Dranouter, Montemerano, Axtondo, Parigi, San Francisco, Torre Alfina. 

Dopo questo percorso, durato 11 anni, Tommaso torna al punto di partenza: dove nasce il prodotto. Torna alla terra, al fuoco, alla materia prima.

 

L'idea di Arso nasce nel 2015, dopo l’esperienza in Spagna, dove scopre un’ecosistema basato sulla migliore materia prima in circolazione, trasformata attraverso tecniche primitive a base di fiamme libere.  

 

L’incontro con Stefano nel 2019, cambia la visione di Tommaso nel modo di percepire la fotografia. Nasce così il “Progetto” Arso, un luogo di sfogo artistico dove si creano contenuti attraverso immagini e video, dove si fa ricerca e soprattutto sensibilizzazione alla terra, ricordandoci quello che siamo e da dove veniamo.

STEFANO DELIA

Classe '84, finisce il liceo e inizia a bruciare pellicole e mixare acidi; nel mezzo delle due cose si laurea in comunicazione.

Stefano Delìa fa foto da quasi 20 anni, iniziando dai ritratti, nel cinema e nel teatro, passando per il reportage, fino ad approdare alla fotografia di food, nella quale riscopre l'amore per la natura e la cucina come aggregatore sociale. 

Incontra Tommaso alla fine del 2019. C'è una complicità artistica molto ben definita e iniziano diversi progetti insieme. Nasce così l'idea di affiancarsi alla visione che Tommaso aveva di ARSO, un luogo d'arte culinaria inteso come un laboratorio creativo che facesse una proposta gastronomica, ma che volesse anche comunicare il proprio lavoro, la propria visione. 

 
Dietro la linea estetica di ARSO c'è lui e il suo occhio. Il tentativo è di far emergere il rapporto artistico e creativo che c'è tra il cuoco e gli ingredienti, tra l'uomo e la natura.